home > blog > NUTRILO D’AFFETTO

NUTRILO D’AFFETTO

postato da contestoinfanzia - in genitori e figli - il 7 Aprile 2014

Il processo di attaccamento (bonding) è il percorso d’amore che lega i genitori al proprio figlio. Spesso comincia durante la gravidanza, periodo durante il quale la mamma comincia ad immaginare il suo bambino. Secondo J. Kennel e M. Klaus (1982) il periodo che inizia subito dopo la nascita del bambino è quello ideale per favorire l’instaurarsi del bonding. I legami di attaccamento che il bambino instaurerà con i suoi genitori sono i primi legami importanti della sua vita e la modalità con cui darà e riceverà amore dai genitori condizionerà inevitabilmente tutte le relazioni future. J. Bowlby è stato il primo studioso ad approfondire la tematica dell’attaccamento ed è grazie ai suoi studi che oggi sappiamo che le caratteristiche del bambino influenzano il modo in cui la madre lo accudirà e viceversa. Il processo di bonding viene favorito da alcuni componenti che vengono definiti “elementi del bonding” che fanno tutti parte del programma IAIM: tatto, olfatto, contatto visivo, udito e linguaggio, sorriso, pianto, allattamento (al seno e/o artificiale), imitazione, sincronizzazione, bioritmicità. Nell’ipotesi che il processo di attaccamento sia stato inizialmente ostacolato da alcune circostanze (difficoltà nel parto, malattia della mamma, del bambino o di una persona cara, morte di un familiare o di una persona vicina, depressione post partum, disagi sociali) è necessario tenere presenti la capacità di resilienza, cioè di recupero, delle coppie madre-bambino e la straordinaria influenza del massaggio AIMI nella realizzazione di questo processo.

Dott.ssa Sonia Allegretti

Psicologa

ContestoInfanzia Coop. Sociale

“Esistono varie opinioni sulla differenza tra bonding e attaccamento, e precisamente sul modo in cui i bambini instaurano rapporti positivi con chi si prende cura di loro. Questo argomento ha un peso enorme nel campo della teoria dello sviluppo del bambino. Il mio interesse si rivolge alla componente emotiva e spirituale del rapporto genitore-bambino e a come, praticando regolarmente il massaggio infantile, si possa rafforzare tale rapporto. Credo in esso e non cercherò mai di confutare il suo potere di creare esseri umani sani, capaci di amare e di prendersi cura degli altri”.

(Vimala Mc Clure)

Scrivi un commento